La Ghisallo | 2019
59
home,page-template-default,page,page-id-59,ajax_fade,page_not_loaded,,select-theme-ver-2.3,smooth_scroll,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.5,vc_responsive

SABATO

E’ possibile iscriversi anche in loco:
il sabato all’INFOPOINT presso il Ghisallo dalle ore 8:00;
Ritrovo: ore 16 presso il piazzale del Santuario Madonna del Ghisallo;
Partenza staffetta: ore 17.00 da Bellagio.

DOMENICA

Ritrovo presso il piazzale del Santuario Madonna del Ghisallo;
Iscrizioni: dalle ore 7.30 alle ore 8.30;
Partenza ciclostorica: ore 9.00.

GRANDE NOVITÀ PER LA GHISALLO 2019!

I 6 vincitori della staffetta a squadre che si terrà sabato 6 luglio con partenza da Bellagio e arrivo al Santuario della Madonna del Ghisallo, saranno premiati con una magnifica maglia realizzata appositamente per la La Ghisallo 2019 sul modello Bianchi.

Omaggio a Fausto Coppi in occasione del centenario della sua nascita.

Rievocazione della maglia BIANCHI utilizzata dal Campionissimo nell’edizione vittoriosa del Giro D’Italia del 1947.

La Storia

 

Era il 1885 quando Edoardo Bianchi, all’età di ventun’anni iniziò l’attività di costruttore ciclistico nel suo piccolo negozio milanese. La sua prima idea, concepita centoventi anni orsono, fu quella di ridurre il diametro della ruota anteriore, supplendo allo sviluppo dinamico con l’applicazione della catena, da poco inventata dal francese Vincent e l’abbassamento dei pedali.
Edoardo sviluppò quindi un modello con ruote di diametro inferiore, pressoché identiche: l’Italia aveva scoperto il costruttore che avrebbe caratterizzato per oltre un secolo la produzione ciclistica nazionale. Il primo successo sportivo Bianchi risale al 1899, anno in cui Tommaselli si aggiudicò il Grand Prix de La Ville di Parigi. Costante Girardengo fu il primo dei grandi campioni a legare il proprio nome alle biciclette Bianchi.
Nel 1935, dopo 50 anni, Bianchi era diventata una azienda, leader assoluta del mercato italiano. Ma i successi commerciali non fecero dimenticare le competizioni, che anzi trovarono un enorme impulso grazie alle gesta di Fausto Coppi. Nel 1947 Coppi fu Campione del Mondo dell’inseguimento e si aggiudicò anche il Giro d’Italia.

La dedica della Ghisallo alla maglia ed alla bici, vuole essere un riconoscimento affettivo a un marchio prestigioso.